PRECARI DI SCUOLA, UNIVERSITA' E RICERCA: presentata la proposta di legge "salvacervelli"

Nazionale -

17 dicembre 2008 - Il Manifesto

RICERCA RdB-Cub, una proposta «salvacervelli» per i precari

 

Centinaia di delegati e lavoratori precari arrivati ieri a Roma da diverse parti d'Italia per partecipare all'assemblea nazionale dei lavoratori precari di Scuola, Ricerca e Università indetta da RdB-Cub, tre settori strategici per le politiche di qualsiasi Paese e che in Italia rischiano, anche se con differenti modalità, di passare in mano ai privati. Tre settori che rappresentano ormai, grazie anche agli attacchi del Governo, il fronte avanzato della lotta alla precarietà.
«Il governo deve prendere atto che è necessario modificare le politiche per Scuola, Ricerca e Università», ha dichiarato Cristiano Fiorentini della Direzione Nazionale RdB-CUB Pubblico Impiego che ha introdotto i lavori. «È autolesionista - ha proseguito Fiorentini - penalizzare formazione e conoscenza colpendone la parte più giovane, più debole ma altamente professionalizzata, che invece può portare nuovo vigore a questi settori. Per questo riproporre una protesta diffusa è una risposta che dobbiamo ai lavoratori ed al Paese». Claudio Argentini, della segreteria nazionale Usi-RdB Ricerca, ha illustrato una proposta di legge elaborata dal sindacato: «Definiamo la nostra proposta 'salvacervelli', perché intende stabilizzare in cinque anni tutti i precari della Ricerca attraverso un investimento non oneroso, determinando una liberazione di risorse, che potrebbero essere investite nei progetti di ricerca, e consentendo così a tanti cervelli di rimanere a lavorare in Italia». È poi proseguito il dibattito, arricchito dalle testimonianze sulla condizione della precarietà espresse da diversi lavoratori dei tre settori. L'assemblea si è conclusa deliberando una prossima riunione, da tenersi verso la metà di gennaio 2009, per costruire una grande mobilitazione nazionale.

16 dicembre 2008 - Ansa

 

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Centinai di delegati e lavoratori hanno partecipato questa mattina a Roma all'assemblea nazionale dei lavoratori precari di Scuola, Ricerca e Universita' indetta da RdB-Cub: ''Il Governo deve prendere atto che e' necessario modificare le politiche per scuola, ricerca e universita''', ha detto Cristiano Fiorentini della direzione nazionale RdB-Cub: ''E' autolesionista penalizzare formazione e conoscenza colpendone la parte piu' giovane, piu' debole ma altamente professionalizzata, che invece puo' portare nuovo vigore a questi settori. Per questo riproporre una protesta diffusa e' una risposta che dobbiamo ai lavoratori ed al Paese''. Claudio Argentini, della segreteria nazionale Usi-RdB Ricerca, ha illustrato una proposta di legge elaborata dal sindacato: ''Definiamo la nostra proposta salvacervelli, perche' intende stabilizzare in 5 anni tutti i precari della Ricerca attraverso un investimento non oneroso, determinando una liberazione di risorse, che potrebbero essere investite nei progetti di ricerca, e consentendo cosi' a tanti cervelli di rimanere a lavorare in Italia''.

UNIVERSITA': RDB CUB, PROPOSTA 'SALVACERVELLI' PER RICERCA

.....................................

MARTEDì 16 DICEMBRE, ORE 10.00

C/O ISTITUTO SUPERIORE DI SANITà,  VIALE REGINA ELENA 229 - ROMA 

ASSEMBLEA DIBATTITO DEI PRECARI DI SCUOLA, UNIVERSITà E RICERCA

ORGANIZZATO DA RdB/CUB P.I., USI/RdB RICERCA, CUB SCUOLA

partecipano:

Sen. Pancho Pardi

On. Leonluca Orlando

 

Di fronte alla crisi, Governo, Parlamento e confindustria

difendono le banche e i profitti e calpestano i saperi

PER CHIEDERE PIù RISORSE E STABILIZZAZIONI DEI PRECARI

CONTRO I TAGLI DELLA FINANZIARIA, DELLE LEGGI 133 E GELMINI

CONTRO LE LEGGI AMMAZA PRECARI

in preparazione della Manifestazione Nazionale dei Precari

....STABILIZZARE IL SAPERE= SALVARE IL FUTURO

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni