LORSIGNORI VOGLIONO TRASFORMARE L'ESERCITO DEI PRECARI IN UN ESERCITO DI DISOCCUPATI. attivo naz. dei precari venerdì 13 marzo a Roma

Nazionale -

Roma-venerdì 13 MARZO, ore 09.30:

ATTIVO NAZIONALE dei PRECARI e dei DELEGATI

c/o Federazione nazionale RdB/CUB,

 in via dell'aeroporto n.129

(metro A fermata Numidio Quadrato) a Roma


La situazione determinatasi negli ultimi mesi a causa della situazione di
crisi reale, le numerose normative nezionali volte a chiudere ogni
prospettiva di stabilizzazione per i precari delle p.a. ancora rimasti tali
e a rendere difficile anch persino solamente la proroga dei contratti, con
una accesa campagna anti-precari, nonchè tutta la questione legata agli
ammortizzatori sociali in deroga, dicono chiaramente della volontà del
governo di dare avvio alicenziamenti di massa tra tutti i
precari, sia privati che pubblici.


Stime ci parlano di oltre 100.000 licenziamenti alle porte dei precari
delle pubbliche amminstrazioni e già sono in atto drastici
ridimensionamenti degli appalti pubblici di servizi, con il conseguente
impatto occupazionale per migliaia di lavoratori esternalizzati.
Di fronte a questa inversione di tendenza sulla questione precariato, in
verità già in atto con il governo Prodi,e agli impatti che a brevissimo si
verificheranno in termini di licenziamenti per mancato rinnovo dei contratti
in scadenza, riteniamo come RdB necessario coinvolgere in una giornata di discussione e approfondimento i quadri, delegati e rappresentanti dei lavoratori precari che in questi anni si sono impegnati sulla questione nei posti di lavoro, nelle federazioni e nelle categorie sia del pubblico che del privato e dei servizi, allargato anche ai precari che si sono organizzati con noi in questi anni.E' chiaro che non è più solo il tempo del vertenzialismo aziendale o delle trattative per fare leggi e delibere, ma bisogna puntare a rilanciare una campagna nazionale a difesa dei prcari.
Per questi motivi abbiamo deciso di convocare un
ATTIVO NAZIONALE A ROMA  SULLA QUESTIONE PRECARIATO
che faccia il punto della situazione e soprattutto reimposti la nostra attività sindacale sul precariato alla luce della svolta in atto, della annunciata e reale ondata di licenziamenti, ma anche con il fine di lanciare una nuova e più decisa campagna per le stabilizzazioni e contro i licenziamenti.

Ma soprattutto organizzare forti momenti di mobilitazione dei precari sia nell'ambito delle iniziative generali contro la crisi (manifestazione nazonale del sindacalismo di base del 28 marzo, contro la riunione dei ministri del welfare del G14) ma anche per promuovere una specifica mobilitazione nazionale del precariato.

 

 

 

DICIAMO A TUTTI I PRECARI CHE NON BISOGNA ASPETTARE CHE IL SALATO CONTO DELLA LORO CRISI CI SI PRESENTI A CASA SOTTO FORMA DI LICENZIAMENTO PER MANCATO RINNOVO

 

DICIAMO A TUTTI I PRECARI DI ESSERE ATTIVI E PRESENTI ALLE MOBILITAZIONI CHE NEI PROSSIMI MESI IL SINDACALISMO DI BASE METTERà IN CAMPO PER DIRE NO AL FURTO DI FUTURO.

 

 NOI LA CRISI NON LA PAGHIAMO!!!

 

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni