Inps, precari della sede di Bolzano beffati:Bocciati agli esami

Bolzano -

 

Dieci lavoratori a tempo determinato della Sede INPS di Bolzano, che avrebbero dovuto essere assunti a tempo indeterminato attraverso una selezione prevista dal comma 519 della Legge Finanziaria 2007, rischiano tra pochi giorni di essere licenziati. L’amministrazione provinciale, infatti, invece di bandire una selezione volta ad assumere, ha indetto un concorso con prove ancora più difficili di una selezione esterna, con il risultato che su 18 candidati da stabilizzare 10 non hanno superato le prove scritte. L’INPS quando deve assumere nuovi dirigenti con concorso pubblico fa una preselezione con test a risposta multipla, quando invece deve stabilizzare precari che da anni lavorano per l’Istituto lo fa con quesiti a risposta aperta, una modalità evidentemente più complessa

26 giugno 2008 - Corriere Alto Adige

Vertenza La RdB: «Ci scippano 24 posti»
«Inps, precari beffati Bocciati agli esami»

BOLZANO — I precari del-l'Inps sentono puzza di bruciato. «Dopo essere stati chiamati ripetutamente all'Inps per periodi di lavoro a tempo determinato di sei mesi — spiega Nadja Vitale, delegata della Rappresentanza di Base Inps di Bolzano — ed aver maturato il requisito per la stabilizzazione del rapporto di lavoro in base all'articolo 1 comma 519 della Legge 296/2006, un gruppo di precari è stato ritenuto non idoneo alla prova scritta della selezione per la stabilizzazione. Invece di indire un percorso selettivo che tenesse conto della necessità di sanare un uso distorto del lavoro a tempo determinato, come previsto dalla circolare 7 del 30 aprile 2007 emanata dalla Presidenza del Consiglio, Dipartimento della Funzione Pubblica, l'Inps di Bolzano ha messo in piedi un vero concorso pubblico e la commissione ha ritenuto di bocciare 10 candidati su 18 partecipanti. Altri 7 semestrali non hanno partecipato alle prove perché hanno già superato precedenti selezioni pubbliche. Gran parte dei bocciati, a loro volta, hanno superato concorsi pubblici pur senza diventare di ruolo».
Per Nadja Vitale si tratta di «una vera mannaia che non tiene in alcun conto dello spirito della norma. Finché erano precari questi lavoratori hanno avuto il gradimento dell'amministrazione, visto che li ha richiamati più volte, adesso che si era determinata la possibilità di una trasformazione a tempo indeterminato, improvvisamente diventano incapaci ». Ma non finisce qui: «Sulla stabilizzazione dei precari Inps incombe un'altra minaccia. Il Dipartimento della Funzione Pubblica ha intenzione di ritirare la disponibilità dei 24 posti riconosciuti all'ente previdenziale dal DPR del 29 dicembre 2007 per la stabilizzazione dei precari di Bolzano, in quanto l'amministrazione non avrebbe rispettato il termine del 31 maggio per la comunicazione delle assunzioni dei semestrali ». Una vera beffa, tenendo conto che l'Inps altoatesina ha tra 70 e 80 posti vuoti in organico. Chi non supera gli esami, a fine luglio perderà il posto. «La RdB-Cub tornerà in piazza — conclude Nadja Vitale — per evitare lo scippo dei 24 posti, rivendicare la conclusione del percorso di stabilizzazione e chiedere una soluzione per gli esclusi».


26 giugno 2008 - Alto Adige

Inps, nuova protesta in vista
Esclusi 10 dei 18 precari da stabilizzare: è polemica

BOLZANO - Doccia fredda per più della metà dei semestrali dell’Inps che speravano nell’assunzione a tempo indeterminato. Nella Finanziaria 2007 il governo aveva inserito un articolo ad hoc che permetteva l’assunzione dei dipendenti che da anni lavoravano presso l’istituto con contratti a tempo determinato rinnovati ogni sei mesi. I posti messi a disposizione di questi semestrali presso la sede di Bolzano erano stati 24. Ma per poter usufruire di questa "istanza di stabilizzazione", i semestrali devono superare un’apposita prova di selezione. Nei giorni scorsi si sono svolte le prove scritte per 18 semestrali che speravano nell’assunzione (altri sette non hanno partecipato perché avevano già superato precedenti selezioni pubbliche). Ebbene, soltanto otto di loro hanno superato l’esame per poter accedere alla prova orale. I dieci precari che invece sono stati bocciati a questo punto rischiano di trovarsi ancora una volta senza lavoro.
«Una vera mannaia - accusa Nadja Vitale, coordinatrice provinciale delle rappresentanze sindacali di base dell’Inps - che non tiene in alcun conto dello spirito della norma. Finché erano precari questi lavoratori hanno avuto sempre il gradimento dell’amministrazione, adesso che si era determinata la possibilità di una trasformazione a tempo indeterminato del loro rapporto di lavoro diventano improvvisamente incapaci. Inoltre - aggiunge - sulla stabilizzazione dei precari Inps incombe un’altra minaccia. Infatti il dipartimento della Funzione Pubblica ha intenzione di ritirare la disponibilità dei 24 posti riconosciuti a Bolzano, in quanto l’amministrazione non avrebbe rispettato il termine del 31 maggio per la comunicazione delle assunzioni dei semestrali. Per evitare lo scippo di questi 24 posti torneremo in piazza».

.......................................................

Parere positivo alla stabilizzazione dal Dipartimento della Funzione pubblica

 

Presso la sede provinciale INPS di Bolzano circa 20 lavoratori assunti a tempo determinato rischiano di rimanere esclusi dal processo di stabilizzazione, consentito dalla Finanziaria 2007, perché l’Amministrazione non ha ancora attivato le procedure necessarie, i cui termini scadono il prossimo 30 settembre.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni