Precariato

Manifestazione LSU 20 Maggio

Roma -

20 ANNI DALL’AVVIO DELLE LEGGI ISTITUTIVE LSU –nel 1996   si aprirono  le porte delle pubbliche amministrazioni ai disoccupati per progetti LSU con 170 mila lavoratori impegnati Si inaugurò la nuova fase sperimentale nel lavoro pubblico con una enorme riduzione della spesa  statale. Si introdusse una nuova  forma di  precariato nella pubblica amministrazione con abbattimento dei costi di personale e  azzeramento dei contributi per la pensione, quantificabili per la spesa pubblica  in un risparmio di qualche miliardo di euro  tra lavoro sottopagato e minori tutele previdenziali, a danno degli inconsapevoli nuovi precari, legittimi aspiranti a lavoro e diritti, ancora oggi negati.

20 ANNI DI PRECARIATO –negli enti pubblici il lavoro lsu è assolutamente strutturato negli organici e nei servizi pubblici e il precariato  nero di Stato costituito da  LSU/LPU/ASU  garantisce servizi pubblici  al pari dei dipendenti , ma senza essere contrattualizzato.
 
20 ANNI DI CONTRIBUTI INESISTENTI – i contributi figurativi  per i periodi lavorati in lsu riconosciuti automaticamente dall’Inps, non hanno alcun valore per la misura della pensione che si dovrebbe percepire,  forse, a  70 anni. Addirittura i lsu/ lpu pagati direttamente  dalle Regioni non maturano neppure  i figurativi. Una prospettiva di totale precarietà del futuro che non si può e non si deve più tollerare e che penalizza tutti coloro che sono passati per le forche caudine LSU.

20 MILA FIRME per la petizione Contributi LSU- questo è il consenso sulla iniziativa di USB che vogliamo consegnare all’INPS.
 
20 ANNI DI LOTTE – hanno prodotto migliaia di assunzioni nel parastato, nei ministeri, negli enti locali, grazie alle innumerevoli iniziative di RdB e USB, altre nel settore delle pulizie della scuola, dove sono vive le lotte  per chiedere lavoro pieno e stop agli appalti  di pulizia delle scuole. Ad oggi la gran parte dei contratti  degli assunti, anche negli enti locali sono part time con corrispondente riduzione del montante contributivo che allunga i tempi per i requisiti  e accorcia l’importo della pensione, sempre meno dignitosa.   

20 MILA precari pubblici LSU  - sono ancora in condizioni di precarietà reddituale ben sotto la soglia di povertà, pur lavorando,  sottoposti al ricatto di proroghe,  con ricorrenti ritardi di pagamento e con la finestra sempre chiusa per l’assunzione, visto il blocco negli enti locali, la riduzione delle piante organiche, l’abolizione di enti, la privatizzazione dei servizi pubblici.

-    CONTRIBUTI  VERI PER LA PENSIONE  e  ISTITUZIONE DEL TAVOLO TECNICO  PREVIDENZIALE TRA MINISTERO DEL LAVORO  E INPS
-    PROGRAMMAZIONE DI UN PIANO NAZIONALE PER OCCUPAZIONE  NEGLI ENTI PUBBLICI E NELLE SCUOLE, CON INTERNALIZZAZIONE DEI SERVIZI .
                                
20 MAGGIO Manifestazione Nazionale a ROMA